La Banda Musicale
La storia

E' del 1934 (in concomitanza del 50º anniversario dalla fondazione) l'inaugurazione di un gonfalone, recante una grossa cetra ricamata su campo granata (Presidente dell'epoca era Astrua Giovan Battista, facoltoso imprenditore torinese che trascorreva le sue ferie a Vallo)

Nel 1944 alla direzione artistica della Banda musicale fu chiamato Bergero Ignazio (1896 - 1972), figlio di Bartolomeo, che la mantenne fino al 1969. In questo periodo, esattamente nel 1951, l'allora neo-Padrino (nonchè attuale Padrino), Sig. Guglielmotto Domenico, donò alla Filarmonica una nuova bandiera recante una grossa cetra su campo granata e dall'altra parte il tricolore italiano.

Nel 1984, in occasione del 100º anniversario di fondazione, venne inaugurata una nuova bandiera, che reca da una parte una cetra ricamata in campo blu e dall'altra il tricolore italiano con al centro lo stemma del Comune di Vallo.

Nel 1969 al padre Ignazio subentrò il figlio Bergero Bartolomeo Pietro , che continua la tradizione di famiglia fino al 1993, quando lascia la bacchetta a Bussone Silvia (attuale Maestro).

Nel 1974, in occasione del 90º anniversario, vengono inaugurate nuove divise (le prime dopo quelle del 1884) di colore blu scuro, con la stoffa ceduta al prezzo di costo dalla ditta "Magnoni & Tedeschi" di Cafasse e confezionate, a cura dell'Amministrazione comunale, dalla ditta "Barberini" di Torino (presidente della Filarmonica era Caglio Domenico).

Il 1977 è l'anno in cui termina la costruzione dell'attuale Sede sociale di piazza San Secondo (iniziata nel 1975), resa possibile, grazie al lavoro volontario e gratuito dei soci all'epoca in attività e al contributo dell'intera popolazione, su terreno di proprietà del Comune (ex proprietà Micheletti), concesso alla Banda per 99 anni rinnovabili (la Banda di Vallo è così una delle poche a poter vantare una Sede sociale di sua proprietà). Il presidente della Banda in quegli anni era Airaudi Eugenio, deceduto qualche anno più tardi (5 dicembre 1981) nei boschi di Pessinetto, mentre con altri volontari cercava di spegnere un pauroso incendio; questo suo sacrificio gli valse poi la medaglia d'argento al valor civile.
A questa sede, tra il 2002 ed il 2004, sono stati rifatti interamente i serramenti in legno e la copertura.

Ultima Modifica - 17/12/2007
Vai alla pagina: 1   2   3   4  
E-Mail

Scrivici !!!
La storia
I suonatori
Clicca qui per vedere la lista
Recapiti

Airaudi Claudio
3393645017

Caglio Massimo
011/9249061

pagine a cura di Bergero Graziano
Galleria fotografica
 Accessi - 9656 Torna alla Home Page della Banda